Domande Frequenti sui test COVID-19

Domande sul Coronavirus

Che cos'è il Coronavirus?

L'11 febbraio 2020 l'Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato un nome ufficiale per la malattia che sta causando il nuovo focolaio di coronavirus del 2019, identificato per la prima volta a Wuhan in Cina. Il nuovo nome di questa malattia è malattia da coronavirus 2019, abbreviato in COVID-19. In COVID-19, "CO" sta per "corona", "VI" per "virus" e "D" per malattia. In precedenza, questa malattia veniva chiamata "2019 nuovo coronavirus" o "2019-nCoV". Il nuovo coronavirus è un nuovo coronavirus che non è stato precedentemente identificato. Il virus che causa la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), non è lo stesso dei coronavirus che comunemente circolano tra gli esseri umani e causano malattie lievi, come il comune raffreddore.

Qual è la fonte del Covid-19?

I coronavirus sono una grande famiglia di virus. Alcuni causano malattie nelle persone e altri, come i coronavirus canini e felini, infettano solo gli animali. Raramente, sono emersi coronavirus animali che infettano gli animali per infettare le persone e possono diffondersi tra le persone. Si sospetta che ciò si sia verificato per il virus che causa COVID-19. La sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) sono altri due esempi di coronavirus originati da animali e poi diffusi alle persone. Ulteriori informazioni sull'origine e la diffusione di COVID-19 sono disponibili nel Riepilogo della situazione: origine e diffusione del virus.

Come si diffonde il Covid-19?

Questo virus è stato rilevato per la prima volta nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina. Le prime infezioni erano collegate a un mercato di animali vivi, ma ora il virus si sta diffondendo da persona a persona. È importante notare che la diffusione da persona a persona può avvenire su un continuum. Alcuni virus sono altamente contagiosi (come il morbillo), mentre altri lo sono meno. Il virus che causa il COVID-19 sembra diffondersi facilmente e in modo sostenibile nella comunità ("diffusione nella comunità") in alcune aree geografiche colpite. Diffusione nella comunità significa che le persone sono state infettate dal virus in un'area, comprese alcune che non sono sicure di come o dove sono state infettate.

Qualcuno che ha avuto COVID-19 può infettare altre persone?

Il virus che causa COVID-19 si sta diffondendo da persona a persona. Qualcuno che è attivamente malato di COVID-19 può diffondere la malattia ad altri. Questo è il motivo per cui si raccomanda che questi pazienti siano isolati in ospedale o a casa (a seconda di quanto sono malati) fino a quando non stanno meglio e non rappresentano più il rischio di infettare gli altri. La durata di una infezione può variare, quindi la decisione su quando rilasciare qualcuno dall'isolamento viene presa caso per caso in consultazione con medici, esperti di prevenzione e controllo delle infezioni e funzionari della sanità pubblica e implica la considerazione delle specifiche di ciascuna situazione compresa la gravità della malattia, i segni e i sintomi della malattia e i risultati dei test di laboratorio per quel paziente.

Il clima caldo fermerà la pandemia del Covid-19?

Non è ancora noto se il tempo e la temperatura influenzino la diffusione di COVID-19. Alcuni altri virus, come il comune raffreddore e influenza, si diffondono maggiormente durante i mesi freddi, ma ciò non significa che sia impossibile ammalarsi di questi virus durante gli altri mesi. In questo momento, non è noto se la diffusione di COVID-19 diminuirà quando il clima diventerà più caldo. C'è molto altro da imparare sulla trasmissibilità, gravità e altre caratteristiche associate a COVID-19 e le indagini sono in corso.

Il virus del Coronavirus può essere diffuso attraverso gli alimenti, compresi gli alimenti refrigerati o congelati?

Si ritiene generalmente che i coronavirus si diffondano da persona a persona attraverso goccioline respiratorie. Attualmente non ci sono prove a sostegno della trasmissione di COVID-19 associato al cibo. Prima di preparare o mangiare cibo è importante lavarsi sempre le mani con acqua e sapone per 20 secondi per la sicurezza alimentare generale. Per tutto il giorno lavati le mani dopo esserti soffiato il naso, aver tossito o starnutito o dopo essere andato in bagno. Potrebbe essere possibile che una persona possa contrarre il COVID-19 toccando una superficie o un oggetto su cui è presente il virus e quindi toccando la propria bocca, il naso o forse i propri occhi, ma non si ritiene che questo sia il modo principale in cui il virus si diffonde. In generale, a causa della scarsa sopravvivenza di questi coronavirus sulle superfici, è probabile che vi sia un rischio molto basso di diffusione da prodotti alimentari o imballaggi spediti per un periodo di giorni o settimane a temperature ambiente, refrigerate o congelate.

Quali sono i sintomi del COVID-19?

I sintomi più comuni di COVID-19 sono febbre, stanchezza e tosse secca. Alcuni pazienti possono avere dolori e dolori, congestione nasale, naso che cola, mal di gola o diarrea. Questi sintomi sono generalmente lievi e iniziano gradualmente. Alcune persone si infettano ma non sviluppano alcun sintomo e non si sentono male. La maggior parte delle persone (circa l'80%) guarisce dalla malattia senza bisogno di cure speciali. Circa 1 persona su 6 che contrae il COVID-19 si ammala gravemente e sviluppa difficoltà a respirare. Le persone anziane e quelle con problemi medici sottostanti come ipertensione, problemi cardiaci o diabete hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gravi. Le persone con febbre, tosse e difficoltà respiratorie dovrebbero consultare un medico.

Devo indossare una maschera per proteggere me e altri?

Le maschere per il viso riducono la diffusione delle goccioline di coronavirus da tosse, starnuti e parlare. Attualmente, in Italia viene chiesto di indossare maschere dove l'allontanamento sociale non è possibile e il virus potrebbe facilmente passare tra le persone, ad esempio sui mezzi pubblici o nei negozi. Tagliare la trasmissione è importante perché c'è ancora molto virus in circolazione e molte persone devono ancora essere protette dalla vaccinazione. Maschere FFP2 or chirurgiche vanno indossate in luoghi e trasporti publici.

Resta a casa e chiama il tuo medico: se pensi di essere stato esposto a COVID-19 e sviluppi febbre e qualsiasi sintomo, come tosse o difficoltà respiratorie, rivolgiti immediatamente al medico. Chiama sempre prima di visitare il tuo medico o la struttura sanitaria.